Barbara D’Urso e il feeling con Michele Morrone: “Lo vuole nello show dei divorziati, lui ha detto no”

Sembra proprio che Barbara d’Urso, fresca di vacanze per lo stop tv estivo, abbia trovato un nuovo “amico” in Michele Morrone, da cui ultimamente è indivisibile: “E’ nata una bella amicizia tra Barbara D’Urso e il giovane e prestante attore Michele Morrone – fa sapere

1883555_barbara_durso_feeling_con_michele_morrone

“Oggi” –  noto per aver partecipato all’ultima edizione di Ballando con le Stelle. Sembra che tra i due sia nato un forte feeling e che Carmelita lo voglia nel suo nuovo progetto televisivo di prima serata, un reality per coppie divorziate. Ma il bel Michele pare sia gia’ sotto contratto con mamma Rai. In quale programma lo vedremo presto protagonista? E come avra’ reagito Barbara al suo “no”? Ah, saperlo.

Simona Ventura: “Per il bene dei miei figli cerco un ponte con Stefano Bettarini”

Una contro tutti. Dopo l’esperienza all’Isola dei Famosi, Simona Ventura è cambiata. Racconta di essere tornata la Supersimo di un tempo e parla per la prima volta delle sue fragilità. Non solo. Quando era ancora su Cayo Paloma l’ex marito Stefano Bettarini l’ha attaccata duramente. Ora l’ex naufraga si difende, ma apre un porta: “Separarsi nelle coppie è sempre il fallimento di un progetto. Cerco un ponte col mio ex marito perché abbiamo due figli”.

schermata-2016-05-23-a-22-25-41

“Non ho mai conosciuto qualcuno che si separasse a cuor leggero – ha detto la Ventura al Maurizio Costanzo Show – E’ sempre il fallimento di un progetto e da questo fallimento molte volte nascono delle guerre. Chi va in mezzo in queste guerre sono i figli. In una coppia chi ha più buonsenso è giusto lo usi. Io sono andata avanti, ho un’altra storia con quello che spero sia il mio compagno per tutta la vita, ma lui sarà sempre il padre dei miei figli”.
Simona racconta anche l’origine della sua fragilità, che ha riscoperto e vinto grazie all’Isola. “Quando io ero un’adolescente ero molto solitaria – ha proseguito – mi chiudevo sempre in camera mia, non volevo quasi mai uscire, avevo paura di essere ferita. Per la paura di essere ferita io cercavo sempre la solitudine. Adesso l’ ho superato, però lì in quel tipo di solitudine ho rivisto quell’incubo che ho affrontato e vinto”.
La conduttrice parla della sua esperienza nel reality che ha condotto per tanti anni: “La rifarei mille volte e non ho sbagliato niente. Fossi arrivata in finale avrebbero detto che sarei stata favorita. Così io ho acquistato il massimo e non sono stata favorita per niente, anzi sono stata penalizzata perché non si voleva dare la percezione che io fossi favorita. Mi son messa al pari degli altri, volevo fare un’Isola come gli altri. Non farmi capire dai ragazzi dell’Isola è stato probabilmente uno sbaglio, o probabilmente hanno interpretato male loro. E’ uscito il mio vero io e io sono quella dalla terza puntata in poi. Se sono uscita pazienza”.

Si licenzia e gira il mondo: “Volevo lavorare il meno possibile e non aspettare le vacanze”

Diana Bancale è una giovane donna che a un certo punto della sua vita ha fatto una scelta drastica: lasciare un lavoro a tempo indeterminato e cominciare a viaggiare per il mondo da sola. “Da grande voglio lavorare il meno possibile, non voglio che la mia vita si riduca ad aspettare il weekend e le vacanze estive”, racconta in un’intervista all’Huffington Post.

1692759_diana5

Oggi Diana è una blogger di viaggi e sul suo sito “In viaggio da sola” offre consigli a chi vuole iniziare questa avventura come lei. “Ricordo il giorno in cui mi sono licenziata e ho riscoperto la libertà – scrive nel suo blog in risposta a chi le ha dato della matta solo perché aveva lasciato un posto a tempo indeterminato – La libertà di tornare a sognare, come quando eravamo piccoli…
Voi lo sapevate che si può vivere anche senza lavorare otto ore al giorno col sedere incollato a una sedia? E che è possibile anche fare un lavoro che si ama? Se lo sapete già, siete fortunati. Io non lo sapevo e credevo che la vita fosse quella: solita routine per quaranta ore a settimana, quarantotto ore di ‘ore d’aria’ il weekend e così via, avanti per mesi fino al ‘miraggio’ delle ferie, che erano ormai diventate il mio unico obiettivo. Secondo solo all’altro obiettivo: la pensione.
Oggi Diana gira il mondo con i viaggi offerti dagli enti del turismo o con i blog tour e lavora come social media manager per alcune aziende. Tutto è iniziato dopo la laure in Giornalismo nel 2007.
Ha lavorato per garantirsi uno stipendio normale e ogni volta aspettava le vacanze. “Alla fine ho deciso di licenziarmi e di dedicarmi interamente alla mia passione, alla cosa che più amavo fare e che invece stavo trascurando: viaggiare. Ho investito i soldi della liquidazione in un corso di marketing per formarmi, mentre il mio blog iniziava a crescere”. Diana ha un fidanzato e delle amiche, ma preferisce viaggiare da sola per mettersi alla prova. A chi si sente intrappolato in una vita che sente non gli appartenga consiglia: “Bisogna inseguire i propri sogni, ma non si può lasciare il proprio lavoro e andare all’avventura senza avere le idee chiare. Io, ad esempio, mi sono licenziata, ma ho investito le mie risorse economiche sulla mia formazione, sui miei sogni. Bisogna prepararsi.
E avere costanza, se si vuole fare dei viaggi un lavoro: all’inizio è difficile, apri un blog e hai solo due visite al giorno. Non bisogna demordere, ma continuare a studiare, partecipare ai meeting, curare le relazioni, crearsi una rete. Dunque, partire sì, ma solo quando si ha un progetto. E quando si è pronti per farlo. Capire quando è il momento giusto per farlo è facile: quando la vita fa troppo schifo, e così non può continuare, quello potrebbe essere il momento giusto per cambiare”.