Le vacanze bollenti degli Azzurri dopo gli Euro

Hanno dimenticato la sconfitta con vacanze superlusso e selfie da spendaccioni: ecco gli Azzurri dopo la delusione europea. Da Federico Bernardeschi e Stephan El Shaarawy in uno degli hotel più costosi del mondo, a Singapore, a Graziano Pellè, prima in America poi accolto come un imperatore in Cina, passando per la fuga d’amore alle Maldive di Simone Zaza.

C_2_fotogallery_3003498_1_image

Gigi Buffon ha preferito rimanere in Toscana: dalle coste della Versilia al largo dell’Argentario per coccolare i figli e concedersi ore di passione con la sua Ilaria D’Amico. Anche Giorgio Chiellini ha portato la moglie Carolina Bonistalli e la figlia Nina in Puglia per un po’ di relax italiano.

C_2_fotogallery_3003498_19_image

Andrea Barzagli ha festeggiato l’anniversario con Maddalena Nullo a Capri, mentre Eder è andato a Mykonos con la moglie Luciana e il loro bimbo.
Più scatenati Federico Bernardeschi e El Shaarawy che si sono concessi un po’ di divertimento a Singapore nell’hotel più caro, con tanto di selfie nella piscina da sogno, prima di dirigersi verso Bali. Simone Zaza ha scelto una location classica da vip: Maldive.

C_2_fotogallery_3003498_6_image

Un resort superlusso da condividere con la fidanzata Chiara Biasi. Graziano Pellè è volato in America con Vicky Varga prima di trasferirsi in Cina, dove la coppia è stata accolta calorosamente.

Graziano Pellè il superbomber: tutti pazzi per la sua fidanzata Viktoria

La maglia azzurra se l’è conquistata a suon di gol all’estero, tra Olanda e Inghilterra. Ora Graziano Pellè, che in serie A non è mai riuscito a sfondare, è diventato uno degli uomini più rappresentativi dell’Italia di Conte.

1798484_varga10

I suoi gol, tra AZ Alkmaar, Feyenoord e Southampton, sono spesso spettacolari e questo gli ha permesso di scalare le gerarchie azzurre, fino al gol al Belgio di lunedì sera. La rete più bella, però, è Viktoria Varga, la sua fidanzata: la modella ungherese ha convinto davvero tutti grazie alle foto sui social. A differenza di Graziano, ancora molto criticato dai più nostalgici dei grandi centravanti della storia azzurra.