Le vacanze bollenti degli Azzurri dopo gli Euro

Hanno dimenticato la sconfitta con vacanze superlusso e selfie da spendaccioni: ecco gli Azzurri dopo la delusione europea. Da Federico Bernardeschi e Stephan El Shaarawy in uno degli hotel più costosi del mondo, a Singapore, a Graziano Pellè, prima in America poi accolto come un imperatore in Cina, passando per la fuga d’amore alle Maldive di Simone Zaza.

C_2_fotogallery_3003498_1_image

Gigi Buffon ha preferito rimanere in Toscana: dalle coste della Versilia al largo dell’Argentario per coccolare i figli e concedersi ore di passione con la sua Ilaria D’Amico. Anche Giorgio Chiellini ha portato la moglie Carolina Bonistalli e la figlia Nina in Puglia per un po’ di relax italiano.

C_2_fotogallery_3003498_19_image

Andrea Barzagli ha festeggiato l’anniversario con Maddalena Nullo a Capri, mentre Eder è andato a Mykonos con la moglie Luciana e il loro bimbo.
Più scatenati Federico Bernardeschi e El Shaarawy che si sono concessi un po’ di divertimento a Singapore nell’hotel più caro, con tanto di selfie nella piscina da sogno, prima di dirigersi verso Bali. Simone Zaza ha scelto una location classica da vip: Maldive.

C_2_fotogallery_3003498_6_image

Un resort superlusso da condividere con la fidanzata Chiara Biasi. Graziano Pellè è volato in America con Vicky Varga prima di trasferirsi in Cina, dove la coppia è stata accolta calorosamente.

Conte: “Lotito può seguire la Nazionale. Chiellini? La prossima volta gestiremo meglio”

Striscioni-contro-capelli-Conte-©-TM-News-Infophoto-8«Mi è stato spiegato, è stato spiegato, che Lotito è consigliere federale e dunque sta qui»: lo ha detto Antonio Conte parlando della presenza in nazionale di Claudio Lotito, alla vigilia di Norvegia Italia. «Non dà fastidio, finchè non entra nelle cose di calcio: ma lui è una persona intelligente, non lo farà».  Clima di ricociliazione per il nuovo ct al suo arrivo ad Oslo, dopo una settimana che ha visto fiorire polemiche certo attorno alla presenza del presidente della Lazio al seguito della Nazionale, ma anche al rapporto tra la nostra rappresentativa e i club, la Juventus prima fra tutti  «Io sono venuto qui per unire e non per dividere. L’episodio di Chiellini ci servirà come esperienza per gestire queste situazioni, servirà sia a noi che alle società». Il ct azzurro Antonio Conte chiude così il caso relativo a Giorgio Chiellini. Il difensore della Juventus, infortunato, è tornato a Torino e non partecipa alla trasferta della Nazionale in Norvegia. «Io sono venuto qui per unire e non per dividere. È l’unione che fa la forza, non la divisione -dice il ct-. Ci sono stati fraintendimenti, ma finisce lì. Giorgio è tornato dal suo club, va bene così, non avrebbe potuto giocare».