Euro 2016: Italia condannata dai rigori, Germania in semifinale

Si ferma ai quarti l’avventura dell’Italia a Euro 2016. A Bordeaux la lotteria dei calci di rigore premia la Germania, che vince 7-6 e vola in semifinale. Dopo un primo tempo con poche emozioni, i tedeschi la sbloccano al 65′ con Ozil. Boateng ferma con le mani un colpo di testa di Chiellini e al 78′ Bonucci pareggia su rigore. Ai supplementari non cambia nulla: ai rigori l’errore decisivo è di Darmian dopo gli sbagli di Zaza, Pellè e Bonucci.

Quarter final Germany vs Italy

Se la Spagna era una sorta di K2, non c’è dubbio che la Germania rappresenta l’Everest, la cima più alta e difficile da scalare per andare in semifinale e continuare a sognare. I precedenti sono tutti dalla nostra parte. La Germania non ci mai hai battuto in gare ufficiali e ha sempre perso nelle sfide dove la posta in palio era alta: 4-3 nella storica semifinale mondiale 1970; 3-1 nella finale mondiale 1982. E poi, 24 anni dopo, 2-0 proprio in casa loro a Dortmund nella semifinale mondiale del 2006 e in ultimo il 2-1 nella semifinale di Euro 2010 decisa da Hulk Balotelli. Siamo la loro bestia nera, ma i favoriti sono comunque i tedeschi, in quando campioni del mondo. La pressione è tutta sulla Germania, Löw non si fida degli Azzurri e ha studiato delle contromosse, sorprendenti: niente difesa a 4 ancora imbattuta, ma a tre, con l’inserimento di Höwedes per Draxler. Una squadra più coperta per non lasciare nell’uno contro uno Boateng e Hummels. Conte, al contrario, tira dritto per la sua strada e non rinuncia al 3-5-2: al posto dell’acciaccato De Rossi c’è Sturaro, con Parolo spostato playmaker. Per il resto conferma in blocco per la squadra che ha annientato la Spagna. Non sono della gara l’infortunato Candreva e lo squalificato Thiago Motta.
Dopo il minuto di silenzio per la strage di Dacca (uccise venti persone, tra cui 9 italiani), comincia subito la partita a scacchi tra Conte e Löw. Le squadre si rispettano e si temono e a pagare dazio è lo spettacolo, davvero misero nella prima frazione. Come prevedibile sono i tedeschi a fare la partita, ma gli Azzurri confermano nella difesa il loro punto forte e si difendono con ordine senza concedere chance colossali. Il lato debole della Germania è quello presidiato da Kimmich e Schweinsteiger (entrato al 16′ per l’infortunio muscolare a Khedira) ed è proprio dalla loro parte destra che abbiamo le migliori occasioni: prima De Sciglio aspetta quel secondo di troppo per servire Giaccherini a centro-area (sbroglia Boateng), poi è lo stesso giocatore del Bologna a creare scompiglio nella retroguardia tedesca, la palla arriva a Sturaro che fa gridare al gol, ma il piedone di Boateng salva tutto. E’ l’ultima occasione del primo tempo, che fa seguito a un paio di timidi squilli di Gomez (zuccata imprecisa) e Müller, tiro debole verso Buffon dopo un batti e ribatti in area. La posta in palio è altissima e ogni minimo errore può costare carissimo.
Nella ripresa la prima occasione è per i tedeschi, con Florenzi che devia in angolo un tiro di Müller che sarebbe comunque terminato a lato. La Germania prova a metterci all’angolo e al 20′ trova il gol. L’azione parte da un rilancio di Neuer che pesca Gomez bravo a tenere palla e servire Hector, il cui cross viene deviato da Chiellini: Özil è il più lesto e fa secco Buffon. Un pugno in pieno mento e gli Azzurri come pugili suonati accusano il colpo: solo un grande Buffon evita il raddoppio con un autentico miracolo su Chiellini che aveva anticipato Gomez pronto a calciare di tacco. Il gol tedesco cambia il canovaccio del match e ora è l’Italia che deve fare la partita. In soccorso dei ragazzi di Conte, per nostra fortuna, arriva Boateng, che con le braccia alte e lontane dal corpo ferma un colpo di testa di Chiellini: rigore solare. Sul dischetto le gambe non tremano e Bonucci batte Neuer: 1-1, l’Italia c’è e non molla mai. Cuore e grinta non mancano agli Azzurri e per i tedeschi, che già assaporavano la vendetta, è tutto da rifare. Nel frattempo Löw perde anche Gomez (dentro Draxler), mentre il primo cambio di Conte è Darmian per l’esausto Florenzi. Prima del 90′ le occasioni migliori sono nostre, con Pellè e De Sciglio che non inquadrano la porta.
Nei supplementari la fatica viene fuori e le squadre hanno poche energie. Draxler è tra i più freschi, ma spreca tutto: prima calcia alto una girata da pochi passi, poi sbaglia l’ultimo tocco in un contropiede 3 contro 2. La lotteria dei rigori è l’esito a questo punto più giusto e scontato. Le gambe tremano a tanti (sbagliano uno dopo l’altro Zaza, Müller, Özil, Pellè, Bonucci e Schweinsteiger), si va ad oltranza e al 9° penalty Darmian si fa ipnotizzare da Neuer mentre Hector non sbaglia. In semifinale ci va la Germania, che attende la vincente tra Francia e islanda, ma gli applausi sono tutti per una squadra (e il suo allenatore) che ha lottato con le unghie e i denti e che solo la sfortuna ha buttato fuori da questo Europeo.

Euro 2016, Ungheria-Portogallo 3-3: Dzsudzsák fa il Cristiano Ronaldo

Pirotecnico pareggio per 3-3 tra Ungheria e Portogallo nell’ultima giornata del Gruppo F. A Lione i magiari passano in vantaggio dopo 15′ con Gera, ma nel finale di primo tempo vengono raggiunti da Nani. La ripresa è scoppiettante: Dzsudzsák segna, Ronaldo risponde di tacco, Dzsudzsák colpisce ancora e CR7 pareggia di testa. Il Portogallo è terzo nel suo girone, l’Ungheria, prima, aspetta il risultato di Svezia-Belgio.

Ronaldo-Ungheria

Una partita pazzesca, impreziosita dalle magie di Ronaldo e Dzsudzsák, e un finale vissuto al cardiopalma soprattutto per le notizie che arrivavano da Parigi: il verdetto del Gruppo F dice Ungheria al primo posto in attesa di sapere chi affronterà agli ottavi, Islanda seconda a sorpresa (giocherà con l’Inghilterra) e Portogallo terzo con tre punti in tre gare, ma comunque qualificato agli ottavi, dove troverà la Croazia.
Rispetto al 4-3-3 super offensivo del pareggio con l’Islanda, il ct Storck sceglie un più difensivo 4-4-1-1, prediligendo giocatori molto alti e forti fisicamente. Korhut prende il posto di Kadar sulla sinistra, Lovrencsics e Pinter giocano sull’out mancino della metàcampo ed Elek agisce alle spalle dell’unica punta Szalai. Solo due cambi rispetto allo sfortunato pareggio contro l’Austria per il ct Santos, che in difesa sulla sinistra lascia in panchina l’acciaccato Guerreiro e gli preferisce Eliseu e a centrocampo ripropone titolare Joao Mario al posto di Quaresma, con Moutinho libero di svariare alle spalle delle due punte Nani e CR7.
Avvio subito vivace con il Portogallo, costretto a vincere, che inizia con un buon piglio e l’Ungheria, già qualificata, che non rinuncia a giocare ed è pronta a ripartire. La prima occasione è per i lusitani con Nani, che di testa manda alto da buona posizione, l’Ungheria risponde subito e costringe Pepe a un difficile salvataggio in angolo. La squadra di Santos gioca meglio e conquista cinque corner in 15′, ma all’improvviso Gera scaglia un missile dal limite dell’area che batte Rui Patricio e si infila nell’angolino facendo provvisoriamente volare i magiari in testa al girone a quota 7. Il gol è un macigno per il morale di CR7 e compagni, che poco dopo rischiano ancora con Elek che si presenta solo davanti al portiere ma calcia troppo centrale. Intorno alla mezz’ora arriva il primo squillo di Cristiano Ronaldo, che scalda i guanti di Kiraly con una gran punizione da distanza siderale, ma è un fuoco di paglia. La manovra dei lusitani è troppo prevedibile, la circolazione di palla troppo lenta e ci vuole l’invenzione di un singolo per riacciuffare il pareggio: poco prima dell’intervallo Eliseu scambia con Andrè Gomes ed è bravissimo a servire in profondità per Nani, che di sinistro batte il portiere col pigiama sul suo palo e restituisce ossigeno ai suoi.

Russia-Galles 0-3: Ramsey e Bale agli ottavi da primi della classe

Bale e Ramsey sono i principi di un Galles che approda a vele spiegate negli ottavi, aggiudicandosi il Gruppo B di Euro 2016. Tre schiaffi alla Russia, due dei quali fra 11′ e 20′ del primo tempo, chiudono un match che, di fatto, non è mai stato in discussione. Troppo profondo, netto, incolmabile il divario fra due squadre inversamente proporzionali per velocità e concretezza.

225441716-c01e7d28-6f1b-433f-bfe1-aa43e79afecf

Il Galles è una squadra essenziale: corre e gioca, esibendo un calcio agile e leggero, che mette allegria, come i suoi tifosi; la Russia sembra un pugile suonato, che si aggrappa disperatamente all’avversario. Una squadra smarrita, con poche e confuse idee.
Fra due anni, di questi tempi, ospiterà il Mondiale e, nel frattempo, dovrà creare qualcosa che somigli a una squadra competitiva. Un’impresa disperata, anche perché le multinazionali del calcio hanno monopolizzato il mercato, importando contingenti di stranieri in ogni squadra, che finiscono per togliere spazio ai possibili talenti della casa madre. Il Galles, sullo stesso terreno dove l’Italia ha piegato la Svezia, mette subito le cose in chiaro, passando dopo soli 11′ con l’incontenibile Ramsey che, appena si accende, fa sfracelli. Un recupero di Chester, nella trequarti dei gallesi, avvia l’azione dell’1-0: il pallone finisce a Joe Allen, che pesca in sospetta posizione di fuorigioco il fantasista dell’Arsenal, il cui controllo e perfetto, come la palombella che supera in uscita Akinfeev. La Russia accusa il colpo e i gallesi capiscono che è il momento di chiudere i conti.
Passano 9′ dal gol di Ramsey e il 2-0 si materializza, ‘Mamma Russià ci mette però molto del suo, per via di una sciagurata deviazione di capitan Shirokov che, nel tentativo di intercettare un suggerimento di Bale, serve un assist sulla sinistra a Taylor. Il terzino di fascia, prima si fa ribattere la conclusione da Akinfeev, quindi ribadisce a rete. Russia ko e Galles che sogna a occhi aperti. Persi per persi, gli uomini schierati da Skutski si buttano in avanti, pur rischiando l’imbarcata. Bale è scatenato, impossibile da arginare per i macchinosi difensori russi, Akinfeev è costretto a un super-lavoro. È tutto un susseguirsi di pericoli per i russi che, in qualche modo, reggono l’impatto. Nella ripresa è ancora Bale, grazie anche all’ispiratissimo Ramsey, a tenere banco e a entrare definitivamente nella leggenda, siglando il terzo gol (in tre partite, il 22/o con la maglia del Galles), con un tocco felpato di esterno sinistro, sempre su imbeccata di Ramsey. Il cambio dei gemelli Berezutski non sembra sortire gli effetti sperati, perché la Russia continua ad avanzare troppo lentamente e subisce le scorribande degli avversari che, quando accelerano, sono incontenibili. Ramsey è il faro e sfrutta il lavoro di Allen, mentre Bale è il finalizzatore. La Russia chiude in avanti, ma di pericoli veri non ne crea ed esce dall’Europeo con un solo punto e zero prospettive.

Euro 2016, Germania-Polonia 0-0: Milik grazia i tedeschi

Finisce senza reti la sfida tra Germania e Polonia valida per la seconda giornata del gruppo C di Euro 2016. Allo Stade de France lo 0-0 porta le due nazionali a quota quattro punti, ma sono della Polonia le occasioni migliori e sempre capitate a Milik. L’attaccante di Nawalka prima non colpisce a pochi passi da Neuer, poi liscia all’altezza del dischetto un pallone d’oro. Per i tedeschi solo una occasione per Ozil al 61′.

euro-2016-germania-polonia-0-0-milik-grazia__730__000630060

Le assenze, l’orgoglio polacco, la cabala. Che la Germania non arrivasse col massimo dell’entusiasmo alla seconda sfida, storicamente ostica, del girone C di Euro 2016 era risaputo, ma che al fischio finale di un combattuto 0-0 fosse la Polonia a recriminare maggiormente in pochi l’avrebbero ipotizzato. Invece lo Stade de France di Parigi si è confermato uno stadio tabù per la Germania di Loew che quattro volte sulle ultime cinque comparsate parigine non hanno trovato gol. Contro la Polonia il protagonista però è stato Milik, il match winner della prima sfida polacca, con due grossolani errori con Neuer alla portata. Per i tedeschi, invece, tanta confusione e poche occasioni importanti.
Germania e Polonia del resto si conoscono a memoria e non solo per ragioni culturali, geografiche e anagrafiche. Anche e soprattutto perché le due erano inserite nello stesso girone di qualificazione e già nella doppia sfida i polacchi avevano fatto soffrire la Mannschaft. Nelle ultime cinque sfide solo una sconfitta. A Parigi la partita è stata fisica, poco spettacolare ma ad alta intensità sin dalle prime battute. Merito di un ritmo tenuto altissimo dal centrocampo biancorosso con Blaszczykowski e Grosicki bravissimi a mettere in difficoltà in ripartenza gli esterni di Loew, come sempre molto alti in fase d’attacco. Il risultato tattico però porta all’annullamento della pericolosità offensiva con Gotze a galleggiare tra i giganti polacchi e mai degno di uno spunto pericoloso per i tre trequartisti, così come Lewandowski abile a fare sportellate ma troppo lontano dal raggio visivo di Neuer.
Il primo tiro in porta arriva solo nei primi minuti della ripresa e porta la firma di Gotze. Quasi una reazione nervosa d’orgoglio dopo che un minuto prima Milik ben imbeccato da Grosicki e lasciato solo in area aveva mancato l’appuntamento col gol in un rocambolesco quanto brutto colpo di naso in area, fuori. Lo spavento riassesta la retroguardia della Germania ma sempre la Polonia ha sfiorato il vantaggio e sempre con lo stesso attore protagonista. L’attaccante dell’Ajax prima calcia a lato una punizione dal limite e poi, a venti dalla fine, tutto solo all’altezza del dischetto liscia clamorosamente il pallone vanificando un ottimo contropiede in velocità.
La Germania risponde nel finale inserendo la freschezza di Schurrle e i muscoli di Gomez, ma il pericolo dalle parti di Fabianski arriva solo sul capovolgimento di fronte del liscione di Milik. Un’azione fotocopia espressa sulla sinistra tedesca e conclusa, bene, da Ozil il cui destro però è stato neutralizzato dal portiere ex Arsenal. Nel finale qualche azione potenzialmente pericolosa e nulla più, Germania e Polonia si spartiscono la posta in palio ed eliminano l’Ucraina dall’Europeo.

Euro 2016, Francia-Albania 2-0: Blues agli ottavi

Dopo il successo sofferto con la Romania, la Francia vince 2-0 con l’Albania nella seconda giornata del Gruppo A a Euro 2016 e centra il passaggio agli ottavi. Al Velodrome primo tempo opaco dei Blues, che con Pogba in panchina sbattono contro la difesa di De Biasi. Nella ripresa i galletti cambiano passo e passano grazie a un gol al 90′ di Griezmann e al raddoppio di Payet nel recupero. Francia a punteggio pieno.

C_2_fotogallery_3002536_0_image

Due lampi nel buio. Dopo un primo tempo spento, la Francia trova ancora il guizzo vincente nei minuti finali e continua a correre a testa alta. Questione di grinta e carattere. Quando il gioco langue, sono i singoli a fare la differenza. E al Velodrome i singoli hanno il volto di Griezmann, lasciato all’inizio in panca da Deschamps, e di Payet, diventato ormai l’uomo del destino. Ma molto passa anche dai piedi di Pogba e dalla sua presenza in campo. Ai Blues basta un secondo tempo con più ritmo per schiacciare l’Albania, autore comunque di una prova d’orgoglio vanificata solo nelle ultime battute del match. Al triplice fischio resta l’amaro in bocca a De Biasi. Per Deschamps, invece, suona la Marsigliese in tutta la Francia.
Dopo la gara opaca con la Romania, il ct francese cambia modulo e rivoluziona la Francia tenendo fuori Pogba e Griezmann e gettando nella mischia Coman e Martial. A caccia dell’impresa, De Biasi manda invece in campo un 4-1-4-1 molto coperto con Sadiku unica punta. Come previsto, sono i galletti a fare la partita. Per gli uomini di Didier possesso palla prolungato e verticalizzazioni improvvise. Tutta dietro la linea della palla, l’Albania invece aspetta l’avversario al limite e prova a ripartire in contropiede. Con Kanté e Matuidi davanti alla difesa, Coman, Payet e Martial hanno le spalle coperte e possono concentrarsi sulla fase di impostazione in appoggio a Giroud, ma la manovra non è veloce e il bunker albanese regge senza difficoltà. Con la gara bloccata, si lotta in mediana. Martial e Payet provano a fare la differenza, ma la squadra di De Biasi raddoppia ovunque ed è dura trovare varchi. A ritmi bassi, senza idee e con poco movimento tra le linee, la Francia gioca troppo facile e non fa male. Col passare dei minuti invece l’Albania prende coraggio e manovra con ordine spingendo con Hysai e Memushaj e provando a colpire sui calci piazzati. Senza giocate in profondità e con i tre dietro a Giroud che si pestano i piedi, i galletti non sfondano sulle corsie esterne, faticano a trovare le distanze e il primo tempo si chiude con pochissime occasioni e tanti fischi.
Nella ripresa Deschamps torna sui suoi passi, mette subito Pogba al posto di Martial e passa al 4-3-3. E la Francia cambia passo. Coman sfiora il vantaggio di testa, poi è Matuidi a presentarsi davanti a Berisha. Col pressing più alto, i Blues si allungano e il match si apre. Da una parte Payet ha spazio e prova dalla distanza, dall’altra Sagna sfiora l’autogol, col palo che salva Lloris. Poi tocca a Pogba fallire l’appuntamento col gol, sparando alto da buona posizione. Con la Francia più aggressiva, l’Albania arretra il baricentro e serra le linee, trasformando la gara in un monologo blues. Deschamps si gioca anche la carta Griezmann, dalle corsie piovono cross e Giroud centra il palo. Spinta dal Velodrome, nel finale la Francia attacca a testa bassa e prova a segnare in tutti i modi. Saltano gli schemi e diventa un tiro al bersaglio verso Berisha. La rete che sblocca tutto però arriva solo al 90′: Rami crossa e l’attaccante dell’Atletico non sbaglia di testa. Un gol pesante, che fa esplodere il Velodrome e che poi fa il paio col raddoppio nel recupero di Payet. Due partite, sei punti. Questa Francia soffre, vince e guarda tutti dall’alto.

Euro 2016, lʼItalia va: Giaccherini-Pellè, 2-0 al Belgio

L’Italia c’è e adesso tutti dovranno fare i conti con gli Azzurri. Con i gol di Giaccherini e Pellè la Nazionale di Antonio Conte batte 2-0 il Belgio a Lione e balza in testa al gruppo E. Una partita durissima, giocata con grande intensità. Illuminante l’assist di Bonucci per il vantaggio. Nella ripresa tante occasioni per gli azzurri, culminate nel raddoppio di Pellè al 92′ dopo l’ennesimo contropiede.

Group E Belgium vs Italy

Sì, l’Italia c’è e c’è con tutte le caratteristiche che le competono. Ha la faccia insaguinata di Conte, quella cattiva di Bonucci, quella stralunata di Giaccherini, quella feroce di Pellè. Non è una celebrazione, ma un 2-0 al Belgio, squadra seconda nel ranking Fifa, indicata da tutti come potenziale favorita degli Europei è una dimostrazione di forza e un’iniezione di fiducia che non devono, però, far perdere la barra al gruppo.
La consapevolezza, però c’è: e la vittoria è arrivata con gli ingredienti cari a Conte. Una squadra compatta, cattiva, determinata. Ottima in difesa, pasticciona nelle ripartenze, ma brava a far male. I gol di Giaccherini e Pellè sono altri due indizi di come questa squadra sia al cento per cento figlia di Antonio Conte.
Solidità, ma blocco un po’ basso. Compattezza, ma poche ripartenze. Attenzione, ma un pizzico di scarsa personalità. L’inizio dell’Italia è a due facce. L’area di rigore di Buffon resta sgombra da pericoli, ma gli azzurri sono poco propositivi. Il Belgio si affaccia trovando corridoi centrali, sfruttando il lavoro di Fellaini che apre varchi per le conclusioni di Nainggolan, che prima impegna Buffon, poi spara a lato.
Fino al 30′ manca il guizzo: l’unico squillo azzurro è un destro a giro di Pellè che non spaventa Courtois. Poi, all’improvviso, l’illuminazione, nello “Stadio delle Luci”. Arriva su un asse quasi storico per Conte, sicuramente bianconero: Bonucci, dal cerchio di centrocampo, dipinge un lancio da numero 10. La difesa del Belgio è schierata, ma non legge il pallone profondo: Giaccherini, fino a quel momento uno dei più in difficoltà, scappa, stoppa e trafigge Courtois con un grande gesto tecnico. È una scossa, un colpo che intontisce il Belgio e gasa gli Azzurri: Candreva scuote i guantoni di Courtois, Pellè spreca di testa un rigore in movimento da pochi passi. Il Belgio reagisce, ma non punge anche grazie ai ripiegamenti degli interni, Giaccherini su tutti.
Nella ripresa si aprono gli spazi: la partita è più aperta e l’Italia fallisce tre chiare occasioni per ripartire, fallite per imprecisioni pacchiane. Gli azzurri addirtura si sbilanciano e il Belgio fallisce un clamoroso contropiede con Lukaku, che spreca a tu per tu con Buffon sfiorando l’incrocio. Sul capovolgimento di fronte Courtois mette il mantello di Superman e vola parando un bel colpo di testa di Pellè, quasi a colpo sicuro.
Il Belgio si riversa in avanti, Conte toglie Darmian, il peggiore, e inserisce De Sciglio. Wilmots sceglie la freschezza di Mertens, Origi e Carrasco. La difesa azzurra non sbanda mai, anche se i ripiegamenti diventano sempre più faticosi. L’Italia sbaglia troppo in uscita, regalando al Belgio la possibilità di fare male. Buffon non deve compiere parate, ma la pressione dei Diavoli Rossi è costante e sfocia in un colpo di testa da due passi di Origi e in una palla velenosa che danza nell’area piccola.
I metri che vengono concessi dalla squadra di Wilmots sono però tantissimi: Immobile, subentrato a Eder, costringe Courtois ad un’altra parata da urlo sugli sviluppi di una cavalcata in contropiede. I minuti finali sono di sofferenza totale: Clattenburg usa un metro bizzarro (quattro gli azzurri ammoniti) che fa infuriare il sanguinante Conte. Sì, perché in occasione del gol di Giaccherini il ct si scontra nell’esultanza con Zaza, sanguinando per una ferita al volto per quasi tutta la partita.
Ma la seconda esultanza è dolce, liberatoria e per niente dolorosa: sull’ennesimo contropiede spinto da Immobile, al 92′, Candreva ha la freddezza di servire Pellè che al volo si riscatta e segna un gol bellissimo e definitivo. Belgio al tappeto, Italia gonfia d’orgoglio: quello del suo ct Conte e di tutti gli azzurri scesi in campo.